Come prendersi cura del giardino di casa

Una bellissima casa è un’abitazione che viene valorizzata in tutti i suoi ambienti, negli interni con riferimento all’ingresso, alla cucina, al salotto, ai bagni e alle camere da letto, ma anche negli esterni quindi il balcone o la mansarda oppure quel piccolo spazio di natura che è il giardino di casa. Con il giusto approccio mentale, con la passione per gli spazi verdi, con la cura che presti agli interni e alla mobilia delle varie stanze, puoi realizzare un vero e proprio upgrade del giardinetto secondo quelli che sono i tuoi gusti. Nella realizzazione di questi sogni da troppo tempo nel cassetto, al giardiniere vengono incontro diversi siti specializzati, come il sito di Oleomac , dove poter trovare tutti i prodotti per la cura del verde. Oltre a questo, sono numerosi anche i blog che dispendono consigli, che spaziano tra gli argomenti dalle tecniche, variabili a seconda del tipo di albero, arbusto oppure fiore interrato, per passare agli strumenti più innovativi con quelli elettrici molto più gettonati per la rapidità di ricarica, la leggerezza nell’esecuzione dei lavori e per l’assenza completa di forme di inquinamento, fino a giungere all’organizzazione vera e propria dello spazio presente.

I classici attrezzi del giardiniere

Gli investimenti in nuove meccaniche da parte delle aziende del settore riconducibile alla cura del verde hanno fruttato un miglioramento evidente delle condizioni generali. Inizialmente, le imprese si soffermavano su prodotti di tipo manuale come le macchine potatrici a molla, caratterizzate da un movimento di apertura e chiusura delle lame in rapida successione, oppure delle seghe impugnabili con lama dentata in ferro per il taglio di blocchi di legno oppure rami di grosso calibro. Per rasare il prato, le persone utilizzavano delle falci dalla lama ferrosa arcuata che richiedevano continui movimenti degli arti superiori, sottoposti ad enormi sforzi. Gradualmente, essi sono stati sostituiti dai primi modelli che prevedevano l’impiego di un motore alimentato da carburante come la benzina oppure da miscele speciali. Il sostegno offerto da un motore all’interno di un tagliaerba consentiva di prolungare le sessioni di lavoro e di ridurre gli sforzi sulle ossa e le articolazioni rispetto alla solita falce. Il taglio del verde risulta più rapido e più preciso rispetto al passato. Il problema frequente della ricarica è stato risolto con apparecchiature, predisposte per sfruttare l’energia elettrica, che sono capaci di collegarsi alla rete di casa. Oggigiorno si assiste alla diffusione di trattorini elettrici, di decespugliatori multifunzione a zero emissioni e a macchine potatrici ricaricabili in fretta.

Vedi anche  Rimini: 4 Strumenti Indispensabili per le Potature "fai da te"

I principali stili da cui trarre una profonda ispirazione

Quando la disponibilità è ristretta, per la sicurezza della famiglia e della casa, si devono preferire piante di grandezza media, evitando alberi oppure arbusti troppo grandi che potrebbero tramutarsi in un futuro pericolo dopo la crescita. Esclusi gli elementi menzionati, si può optare per un giardino tradizionale caratterizzato da un prato curato, magari con un trattorino elettrico per facilitare tutto il lavoro, e da siepi tagliate secondo precisi disegni. Un’altra bella pratica che si sta diffondendo in varie parti del mondo e dona un tocco di eleganza all’intera abitazione, è un giardino roccioso con pietre incastonate dentro l’habitat come se fossero dei diamanti, un giardinetto naturale con le piante autoctone per non stravolgere l’area limitrofa. Infine si può optare per uno stile più zen e giapponese con tantissimi fiori e arbusti che rispecchiano le antiche tradizioni dell’oriente dove la cura della natura è un vero stile di vita da portare sempre avanti e da tramandare alle future generazioni. Ovviamente, a seconda delle preferenze, è dato variare singoli elementi e prevedere l’inserimento di echinacea, imparentata con le margherite, che, se esposta al sole per buona parte del tempo, assicura una fioritura magistrale, dopo una precisa potatura, che va dal mese di aprile fino al mese di settembre.